Giovedì 23 Novembre 2017Ultimo aggiornamento 16:39

La porta atlantica continua ad essere "spalancata"!

La porta atlantica continua ad essere "spalancata"!
Lunedì 11 Settembre 2017 - 12:58

La prima perturbazione dalle caratteristiche autunnali sta per lasciare le nostre zone, dopo aver portato delle precipitazioni a carattere diffuso ma generalmente di modesta entità, eccetto alcune zone circoscritte interessate dai rovesci più intensi.
Diversamente è andata e sta andando tutt’ora su buona parte del centro-sud Italia, dove la perturbazione sta insistendo maggiormente e supportata da venti in quota molto propensi, assieme al mar Tirreno ancora molto caldo, a fenomeni particolarmente violenti sulle regioni tirreniche (Toscana, Lazio e Campania).

Da noi le correnti in quota dominanti da SW hanno fatto sì che le montagne abbiano fatto almeno parzialmente da “schermo” protettivo nei confronti delle precipitazioni, limitando parecchio le potenzialità del peggioramento.
Ma questa perturbazione non sarà con tutta probabilità un caso isolato, poiché nei prossimi giorni l’alta pressione non sarà in grado di riportare la stabilità, se non in modo parziale e temporaneo nel corso di mercoledì.
Infatti la cosiddetta “porta atlantica” rimarrà pressoché aperta fino a giovedì (ed anche oltre), col passaggio di altre 2 perturbazioni entro tale giornata.

La prima transiterà nella prima mattinata di martedì, ma le correnti troppo tese da W-NW che la supporteranno la faranno letteralmente “sbattere” sul versante francese delle Alpi occidentali, con la conseguenza che le precipitazioni si concentreranno quasi esclusivamente sui rilievi al confine con la Francia, mentre sul pinerolese vi sarà un temporaneo aumento della nuvolosità, seguito probabilmente dall’attivazione di raffiche di foehn sia in valle che in pianura.
La cartina sottostante mostra i venti previsti nel tardo pomeriggio di martedì:

 

 

Si nota una zona, che concide in gran parte al pinerolese, in cui sono previste raffiche moderate di foehn. Tuttavia le correnti più secche dovrebbero già fare il loro ingresso in tarda mattinata, facendo rasserenare rapidamente il cielo e favorendo un provvisorio aumento termico, con valori massimi localmente superiori ai 25 gradi in pianura.

La giornata odierna invece vedrà un cielo poco nuvoloso o parzialmente nuvoloso a tratti per il passaggio di nubi medio-alte innocue con direttrice prevalente W-E. Le temperature rimarranno su valori freschi al mattino (minime intorno ai 15 gradi in pianura) e gradevoli di giorno (massime poco oltre i 20 gradi).

La giornata di mercoledì sarà caratterizzata, come detto prima, dal parziale ritorno dell’alta pressione, che favorirà il predominio del sole ed un lieve aumento termico anche in quota, mentre in pianura aumenteranno solo le temperature minime, portandosi generalmente poco sopra i 15 gradi.

Nel corso di giovedì (probabilmente nel pomeriggio) transiterà sopra le nostre teste una nuova perturbazione atlantica, spinta da intense correnti da W-SW che però potrebbero penalizzare nuovamente il pinerolese, non permettendo precipitazioni di rilievo e riducendo la copertura nuvolosa a poche ore prima del rasserenamento nelle ore serali. Le temperature minime saranno circa stazionarie rispetto a mercoledì, mentre le massime dovrebbero calare lievemente per la maggiore copertura nuvolosa (comunque sempre superiori ai 20 gradi).

Buona settimana a tutti!

Articolo a cura di Meteo Pinerolo