Mercoledì 13 Dicembre 2017Ultimo aggiornamento 13:44

I volontari del Soccorso alpino piemontese in Abruzzo per emergenza all'hotel Rigopiano

Sabato 21 Gennaio 2017 - 12:41

Oggi in mattinata un secondo contingente di tecnici piemontesi è partito per l’Abruzzo a bordo di cinque furgoni della Protezione Civile per portare il cambio agli operatori già presenti da giovedì 19 gennaio. Sono 24 uomini provenienti dalle Delegazioni Alessandria, Biella, Canavesana, Monviso Saluzzo, Valdossola, Valle di Susa e Valsangone, Valli di Lanzo, Valli Pinerolesi e Valsesia. Saranno operativi già dal pomeriggio di oggi e sostituiranno i volontari che nelle ore successive faranno ritorno alle loro case.

 

Nella giornata di ieri, venerdì 20 gennaio, i 23 operatori del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono intervenuti su svariati fronti in occasione dell’emergenza neve e sisma nel Centro Italia.

Quindici tecnici sono stati impegnati sullo scenario dell’Hotel Rigopiano e hanno collaborato all’estrazione dei superstiti e delle vittime. Inoltre è andato avanti ilavoro di sondaggio, scavo e bonifica della valanga al di fuori delle rovine dell’hotel.

 

Altri otto operatori piemontesi sono stati dislocati nelle aree limitrofe per portare con sci e pelli di foca viveri, beni di prima necessità e medicinali nelle frazioni di montagna ancora isolate a causa delle abbondanti nevicate.

 

Oggi, tutti i volontari del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono nuovamente impegnati nella zona dell’Hotel Rigopiano (dove è stato realizzato questo video dai volontari del Cnsas Piemonte) per continuare il lavoro di sondaggio, scavo ed estrazione delle persone intrappolate.